Staminali: Passi avanti nella riparazione dei tessuti della retina.

Degli scienziati presso la Johns Hopkins hanno sviluppato delle cellule staminali umane pluripotenti indotte (iPSCs) in grado di riparare nel topo il tessuto vascolare retinico. Queste cellule staminali, sono state coltivate senza l’uso convenzionale dei virus, che possono mutare i geni e avviare il cancro. Questo metodo – sicuro – di coltivazione delle cellule spiana la strada per una banca di cellule staminali del cordone che aiuterà ad avanzare la ricerca della medicina rigenerativa.

In un rapporto pubblicato il 20 gennaio sulla rivista Circulation, il biologo cellulare Elias Zambidis ei suoi colleghi descrivono i loro esperimenti di laboratorio con queste IPSCs non- virali della retina umana.

Abbiamo iniziato con le cellule staminali prelevate dal sangue del cordone ombelicale, che hanno un minor numero di mutazioni acquisite” dice lo stesso Zambidis, professore associato di oncologia e pediatria presso l’Istituto Johns Hopkins per l’Ingegneria cellulare.

Invece di utilizzare i virus per attivare i processi che convertono le cellule nello stato di cellule staminali, Zambidis e il suo team hanno utilizzato dei plasmidi, anelli di DNA che si replica brevemente all’interno delle cellule e dopodiché si degrada.

Lavorando con Gerard Lutty e il suo team nella Johns Hopkins la squadra di Zambidis ha iniettato le derivanti iPSCs ​​in topi con le retine – la parte del bulbo oculare sensibile alla luce danneggiate. Quando gli scienziati hanno controllato le immagini delle retine dei topi, hanno scoperto che le iPSCs hanno innestato e riparato le strutture dei vasi sanguigni della retina.

Zambidis dice ora che ci sono dei piani per condurre ulteriori esperimenti delle loro cellule in ratti diabetici, le cui condizioni sono più simili al danno vascolare umano della retina rispetto ai topi utilizzati nello studio attuale.

Staminali: Passi avanti nella riparazione dei tessuti della retina.
4.2 (84%) 5 voti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *