Staminali per curare la paralisi cerebrale: buone notizie dagli Usa

Una buona notizia arriva dagli Stati Uniti: il trapianto di cellule staminali cordonali eseguito su di una bimba di 5 anni affetta da paralisi cerebrale sta portando ottimi risultati.

La bambina, prima italiana ad essere sottoposta ad un trapianto di staminali autologhe cordonali, è stata inserita all’inizio dello scorso anno nel protocollo scientifico coordinato dalla pediatra Joanne Kurtzberg al Medical Center della Duke University (Durham, North Carolina – USA).

È ancora presto per parlare di un successo. Ma le condizioni della bimba, affetta da paralisi celebrale fin dalla nascita, stanno notevolmente migliorando dopo i due trapianti di cellule staminali autologhe cordonali.

Gli esami registrano uno sviluppo cognitivo totale. Migliorate anche le condizioni distoniche”, spiega Irene Martini direttore scientifico di SmartBank che ha crioconservato le cellule cordonali della bimba e le ha rese disponibili per il trial clinico.

Il referto dell’ultima risonanza magnetica cui è stata sottoposta la piccola parla di un “quadro normo-conforme nelle aree precedentemente molto alterate”, spiega la Martini.

A distanza di un anno dal primo trapianto e sette mesi dal secondo, la bambina sta reagendo in modo molto positivo tanto che oggi ha uno sviluppo cognitivo totale ed è in grado di parlare. Risultati quasi insperati che fanno ben sperare.

Staminali per curare la paralisi cerebrale: buone notizie dagli Usa
5 (100%) 2 voti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *