Staminali: Trattamento innovativo per i neonati a rischio di paralisi cerebrale

La terapia con le cellule staminali è la grande frontiera della ricerca medica di oggi.

Mentre era ancora nella sua infanzia, la tecnologia delle cellule staminali è già passata dall’essere un’idea promettente a fornire un trattamento salvavita per malattie come la leucemia.

La scorsa settimana circa 70 persone si sono radunate presso il Mid City Motel, a Warrnambool, in Australia, per conoscere le anticipazioni di uno dei principali ricercatori australiani.

Professor Graham Jenkin del dipartimento di ostetricia e ginecologia presso la Monash University, si sta occupando dell’uso di cellule staminali raccolte dal sangue del cordone ombelicale per curare i bambini a rischio di sviluppare la paralisi cerebrale come il risultato della mancanza di ossigeno durante il parto.

L’evento è stato ospitato dal ramo Warrnambool dell’Inner Wheel Club nell’ambito di un programma nazionale di raccolta fondi per la ricerca.

Il professor Jenkin, vice direttore del Centro Ritchie, sostiene che il trattamento di neonati privati ​​di ossigeno con le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale sta mostrando risultati promettenti nel prevenire i danni cerebrali che portano a paralisi cerebrale.

“Stiamo cercando di trattare i bambini all’interno di una finestra di 24 ore dopo la nascita”, ha detto il professor Jenkin . “E stiamo puntando a un trattamento dopo circa sei ore, se possibile, che vuol dire agire appena le cellule staminali possono essere raccolte”.

Studi pre-clinici effettuati su agnelli hanno mostrato buoni risultati. Il professor Jenkin ha detto che gli agnelli sono un buon modello per i neonati umani, per poi concludere affermando che il passo successivo è stato quello di ottenere il permesso per le prime prove umane.

Staminali: Trattamento innovativo per i neonati a rischio di paralisi cerebrale
5 (100%) 1 voti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *